Il Suino Nero delle Alpi – Salvataggio e Allevamento

K. Kusstatscher, H. Grunenfelder, F. Bellagamba, R. Rossi, V. Capelli, G. Jaritz

Resumen


Tutte le razze che non hanno rispettato gli standard produttivi sono scomparse. Ciò è accaduto in particolare nell’ambito suinicolo. Fino a poco tempo fa erano tutti convinti della completa perdita di tutte le razze suine alpine autoctone! Ma nel 2013 alcuni membri della Facoltà di Medicina Veterinaria di Parma hanno trovato, in una fattoria didattica, un ultimo gruppo di maiali Valtellinesi (chiamato anche maiale Grigione). La rete alpina Pro Patrimonio Montano* ne ha continuato l’allevamento e ha trovato, dopo intense ricerche, altri due gruppi residui da includere ed evitarne la consanguineità. Questi tre gruppi, con diversa provenienza, costituiscono oggi il pool genetico che rappresenta tutte le razze suine alpine. Dopo tre anni, ci sono di nuovo 73 animali allevati distribuiti in 27 gruppi di allevamento in tre paesi. Precedentemente il Suino Nero e maculato delle Alpi era diffuse tra le montagne delle regioni centrali e sud-orientali delle Alpi Svizzere a nord-ovest della Slovenia. Eppure non sono ancora disponibili dati scientifici ma gli studi sono attualmente intraprese.

Palabras clave


Alpi. Allevamento di montagna. Pascolo alpino. Qualità della carne.

Texto completo:

PDF (English)


DOI: https://doi.org/10.21071/az.v67iSupplement.3575

Enlaces refback

  • No hay ningún enlace refback.


Copyright (c) 2018 Archivos de Zootecnia



DESCARGA NUESTRA APLICACIÓN PARA SMARTPHONES

Haz click y sigue las intrucciones

Aplicación Móvil y Shorcut para Apple

Copyright

Esta obra está bajo una licencia de Creative Commons Reconocimiento-CompartirIgual 4.0 Internacional.

Editorial

UCOPress. Cordoba University Press (UCOPress Editorial Universidad de Córdoba)

ISSN: 1885-4494